#10 – Le 10 attrezzature utili (o dannose) per lo sviluppo psicomotorio del tuo bambino: il girello


Siamo giunti al termine della nostra rassegna delle attrezzature utili o dannose per lo sviluppo psicomotorio dei nostri bambini. In questo ultimo articolo affronteremo il più controverso degli oggetti che vi abbiamo presentato fino ad ora. Un’attrezzatura che gli esperti ci dicono di non acquistare e non utilizzare neanche se regalato: il girello.

girello

 

Negli anni ’70-’80 era un must per le famiglie, esattamente come il box. Con gli anni però si è visto che il girello non è affatto utile a favorire lo sviluppo delle abilità motorie e della deambulazione autonoma nei bambini, anzi gli esperti hanno capito che il girello è addirittura dannoso. In alcuni paesi, come in Canada, ne è stato anche vietata la commercializzazione proprio perché ritenuto dannoso dai pediatri.

 

Perché il girello non va utilizzato?

Il girello è stato utilizzato dalle nostre mamme perché ritenuto uno strumento utile per irrobustire le gambine dei più piccoli e prepararle così alla deambulazione autonoma.

girello

In realtà i pediatri, dall’osservazione dei bimbi che hanno utilizzato il girello hanno visto che i bimbi non sviluppano la capacità di camminare prima dei bambini che non lo hanno mai utilizzato (anzi, è forse vero il contrario) e questo provoca vizi di postura.

Infatti il girello non permette al bambino di sviluppare l’equilibrio, ritardando quindi la deambulazione autonoma e rendendo difficile al bambino imparare il “saper cadere” (per questo si vedono bambini che quando cadono non mettono istintivamente le mani davanti a sè per riprendersi, ma cadono rovinosamente a terra con il viso!)..

Se non bastasse il girello provoca vizi di postura, poiché il bimbo che vi viene inserito, tende a spingere il girello con le punte dei piedi e non appoggia bene tutta la pianta del piede come dovrebbe fare.

Una volta tolto dal girello, il bambino ha acquisito la tendenza a stare sulle punte dei piedi ed irrigidisce perciò le gambe e questo non aiuta il bambino a camminare.

bambina su girello

Lasciatelo gattonare

Quindi? Come aiutare il bambino a sviluppare la capacità di camminare da solo?

Innanzitutto, diamogli la libertà di muoversi in casa, utilizzando un tappeto da stendere in terra per consentirgli di esprimersi liberamente, fino ad arrivare alla fase del gattonamento. Da lì potremmo osservare i tentativi del nostro bimbo o bimba di alzarsi, magari aggrappandosi al divano. Potremmo ulteriormente agevolarlo nello staccarsi dagli appoggi e stare in piedi da solo, se avviciniamo al divano una sedia e lo inviteremo a passare da un posto all’altro.

Quando avrà preso fiducia nelle proprie capacità, farà passi da gigante…o meglio, piccoli passi, ma grandi progressi!

L’importante è lasciare libero il bambino di fare da solo, perchè si sentirà pronto a camminare e decidere, senza alcuna forzatura, che è il momento di esplorare il mondo con i propri piedi!

 

Abbiamo concluso ma…

Già, abbiamo concluso la nostra rassegna delle 10 attrezzature utili o dannose per lo sviluppo psicomotorio del bambino, ma a breve ci saranno delle sorprese…Continuate a seguirci sul nostro Blog!

Intanto se vi siete persi i precedenti articoli, eccovi qui i link per poterli leggere subito!

  1. Cuscino nanna-sicura
  2. Marsupio
  3. Giostrina
  4. Palestrina
  5. Seggiolina
  6. Tappeto
  7. Passeggino
  8. Seggiolone
  9. Box

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *